A Proposito di Tabacco e di Sigarette Elettroniche!


Questo blog vuole raccontare delle storie, ma vuole anche fare cambiare delle opinioni su alcuni argomenti che vengono considerati "dall'opinione pubblica e dalla morale comune" impresentabili e di cui "si ritiene che" non sia neppure lecito parlarne.

Questo blog non è consigliabile (a causa di alcuni argomenti) ai minori, quindi i minori sono pregati di allontanarsi da questo sito, a meno che non ricevono il permesso dai genitori o da altri adulti responsabili.

Le autorità sanitarie svizzere stanno indagando sull'estratto di liquirizia aggiunto al tabacco o come aromatizzante "o eccipiente" nelle sigarette elettroniche "
Anche quelle normali è presente fino ed oltre il 4%, "ma lo è particolarmente in alcune sigarette elettroniche":
Al contrario della cannabis "il mio chiodo fisso ed ottimo vasodilatatore", la liquirizia è un vasocostrittore e specie se fumata o vaporizzata aumenta notevolmente la pressione, è un vero (spacca-cuore) e soprattutto per chi è soggetto a pressione alta, obesità o alle malattie cardiache.


Fumatrice di sigaretta elettronica


Inoltre, la miscela di numerose sostanze, alcune balsamiche e vasodilatatrici, altre come la liquirizia vasocostrittrice "e ampiamente sospettata di aumentare gli effetti nocivi della nicotina", danno la sensazione di "benessere" a chi la sta usando, specie subito dopo aver fumato, questa cosa succede anche con alcune sigarette di marche famose e che contengono della liquirizia nella miscela "o estratto di liquirizia":
Mentre e in realtà, veicolano meglio le sostanze tossiche del tabacco, compreso la nicotina, dandoci la falsa sensazione di respirare persino meglio dopo averla fumata.

In realtà vi è stato soltanto un migliore assorbimento della nicotina ed allo stesso tempo la maggior dipendenza verso una particolare marca "o in caso del fumo elettronico", una maggiore aspettativa verso la sigaretta elettronica.

Dall'Ufficio federale della sanità pubblica svizzero, UFSP - Dipartimento federale dell'interno DFI - (Estratto di liquirizia):

La liquirizia contenuta in alimenti e cosmetici è generalmente considerata innocua, ma ciò non deve far pensare che essa lo sia anche se inalata con il fumo di sigaretta. La combustione di estratti di liquirizia produce svariati composti tossici, sia notoriamente responsabili di effetti cancerogeni per l'uomo (come il benzene) sia sospettate di cancerogenità (come l'acetaldeide). Tra le altre sostanze tossiche prodotte che potrebbero avere effetti nocivi sulla salute figurano anche prodotti chimici come il toluene e il fenolo.
Inoltre, gli zuccheri contenuti nell'estratto di liquirizia producono composti acidogeni che ostacolano il percorso verso il cervello della nicotina contenuta nel fumo della sigaretta, obbligando quindi il fumatore a inalare più profondamente e consumare più sigarette per raggiungere la dose di nicotina necessaria. L'uso della liquirizia può altresì avere effetti nocivi anche indiretti per via della formazione delle cosiddette aldeidi (per es. acetaldeide), le quali possono accrescere l'assuefazione al fumo incrementando quindi il potenziale di dipendenza dalla nicotina. Le aldeidi sono molto reattive e producono altri composti, come la sostanza Harman, il cui effetto stimolante e antidepressivo sul cervello può essere causa di maggiore dipendenza dalla sigaretta.
L'aggiunta di estratto di liquirizia rende più piacevole l'esperienza del fumo in molti modi, per esempio contribuendo a preservare l'umidità del tabacco, equilibrando la sensazione generale di gusto della sigaretta e riducendo il senso di secchezza nella bocca e nella gola.
Inoltre, gli aromi di caramello che vengono a prodursi attraverso la combustione degli zuccheri contenuti nell'estratto di liquirizia contribuiscono a migliorare il sapore e l'attrattiva del fumo. Per di più, la glicirizzina è potenzialmente in grado di liberare le vie respiratorie e in unione con altri ingredienti potrebbe indurre i fumatori a inalare più in profondità, agevolando quindi l'assunzione della dose di nicotina necessaria.
Attraverso l'aggiunta di aromi più appetibili nella sigaretta, come appunto la liquirizia, i produttori di tabacco riescono a rendere più gradevole il fumo. Oltre a incoraggiare l'abitudine a fumare, ciò accresce la dipendenza dei fumatori e, di conseguenza, la loro esposizione alle sostanze tossiche ivi contenute.
---------------------------------

Governo Americano - FDA and Public Health Experts Warn About Electronic Cigarettes:

"La Divisione di Analisi Farmaceutica della FDA (Food and Drug Administration) ha analizzato gli ingredienti in un piccolo campione di cartucce, da due marchi leader di sigarette elettroniche.
In un campione, le analisi della FDA hanno rilevato il glicole dietilenico, una sostanza chimica utilizzata nell'antigelo che è tossico per gli esseri umani, ed in molti altri campioni, le analisi della FDA hanno rilevato sostanze cancerogene, tra cui le nitrosammine.
Queste prove indicano che questi prodotti contengono livelli rilevabili di noti agenti cancerogeni e sostanze chimiche tossiche per gli utenti che potrebbero potenzialmente esserne esposti"
Anche se negli USA "nonostante gli avvertimenti sanitari" le sigarette elettroniche sono legali, ma in alcuni Stati "dove si è legalizzata la cannabis", sono già presenti anche gli spinelli elettronici o gli apparecchi per la vaporizzazione.


Vaporizzatore per cannabis "Volcano Medic",
può essere usato anche per vaporizzare il Bedrocan

In entrambi i casi si vaporizzano esclusivamente dei fiori di cannabis naturale "come il Bedrocan ed assolutamente senza combustione", priva di sostanze nocive aggiunte e con caratteristiche medicinali di vasodilatazione, anti-asmatiche, di reale miglioramento della qualità del respiro "ed anche della qualità di vita".


Grafico comparativo sugli effetti negativi, in termini di pericolosità personale e sociale tra varie sostanze.
(L'alcol è in assoluto la sostanza più nociva).

Questa è la classifica di David Nutt, del 1982, per certi aspetti molto discussa e discutibile, la tesi deriva da:
The effect of convulsions and drugs on seizure susceptibility in rats

Nuovo documento del 2007:
http://www.beckleyfoundation.org/bib/doc/bf/2007_David_211305_1.pdf


Gli effetti sono stati rilevati su degli animali (ratti) ed è risaputo che alcune di queste sostanze non hanno alcun effetto su gli organismi inferiori, oppure "come nel caso della cocaina" sono altamente tossiche sugli animali.
Inoltre, mi sembra plausibile che, i test sulla "cannabis", in realtà siano stati compiuti con il THC*, "ed anche in questo caso" il THC risulta molto più tossico, specie su gli animali, enormemente più tossico anche rispetto alla cannabis naturale, rispetto anche all'uso comune e moderato "medicinale e ricreativo" che viene fatto da molti esseri umani.

(in basso) Grafico comparativo sugli effetti negativi, in termini di dipendenza e danni fisici, tra varie sostanze. 
Il tabacco si trova nella classe intermedia, insieme ad alcol e benzodiazepine.
Mentre la cannabis si trova nella classe più bassa.


La tossicità del THC
  • 666 mg/kg per via orale - Ratti
  • 482 mg/kg per via orale - Topi "1.270 mg/kg topi maschi e 730 mg/kg x topi femmine" (Merck Index)
  • 525 mg/kg per via orale - Cani
  • 29 mg/kg per via endovenosa - Ratti
  • 42 mg/kg per via endovenosa - Topi
  • 128 mg/kg per via endovenosa - Scimmie
  • 373 mg/kg intraperitoneali - Ratti
  • 168 mg/kg intraperitoneali - Topi
(Bisogna inoltre considerare la quantità enorme di persone che utilizzano quotidianamente la cannabis, rispetto alla rarità dei consumatori di altre sostanze della stessa classe, altrimenti la cannabis si troverebbe comunque sul fondo di ogni classifica.)
*** Che corrisponderebbero a meno della metà dei guadagni annuali, dell'erario olandese, grazie ai Caffee-Shop, per una popolazione che è un decimo di quella italiana "6 milioni di abitanti, rispetto ai 62 milioni dell'Italia":
E' stato calcolato da OEDT che, le persone, utilizzatori di cannabis in Italia "almeno una volta all'anno",  sono all'incirca 14 milioni, considerando i turisti europei ed americani, il guadagno per l'erario, grazie ai Caffee-Shop "e se questi fossero legali anche in Italia", supererebbe i 5 miliardi all'anno (quanto tutto l'ICI incassato dal governo Monti nel 2012.) "senza considerare la vendita dei farmaci cannabinoli, dell'olio di canapa e dei prodotti cosmetici ed altri legati alla coltivazione della cannabis" e per un giro di affari totale di oltre 15 miliardi.

Gli ingredienti delle sigarette - da SmokeStyle:
Notizie:

Nessun commento:

Posta un commento